Un vuoto sotto

23 dicembre, 2006

Ho mandato questo mio contributo – illustrazione + testo – ai ragazzi che gestiscono Dentro e fuori (ne avevo già parlato qui). Chissà che arrivi.

Camminiamo per anni su spiagge di sassi. I piedi sentono il dolore forte, poi si abituano. A volte il dolore torna, altre volte – per un piccolo tratto – riusciamo anche a correre veloci. Poi un giorno qualsiasi arriva un’onda improvvisa. Travolge e spacca tutto quello che c’era, tutto quello che avevamo dato per scontato. Non ce l’aspettavamo proprio. Allora si, ci ritroviamo sulla sabbia. E’ sabbia morbida, pulita, senza forma. Ma i piedi non riconoscono il terreno. Non ci sanno camminare. Rimane sempre, poggiando il piede su una superficie piatta, un vuoto sotto.

Annunci

Una Risposta to “Un vuoto sotto”

  1. stefano Says:

    tutto questo mi ricorda qualcosa….
    e nel vuoto si scivola…soli.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: